Roma, anche il GAL Fior D’Olivi al cooperaction day

Conoscere progetti di respiro interterritoriale e transnazionale, raccogliere altre idee per partorire nuove attività, cooperare con altri territori rurali.
Con questo spirito, una delegazione del GAL Fior d’Olivi, composta dal vicepresidente del Cda, Giuseppe Scagliola, dal direttore tecnico, Oronzo Amorosini, e dal tecnico di misura, Pasquale Brandi, ha partecipato lunedì scorso, a Roma, al “Cooperaction Day”, manifestazione promossa dalla Rete Rurale Nazionale.

L’evento, che rientra fra le attività di animazione previste dal Piano di Azione della Rete, è stato pensato per facilitare la formazione ed il consolidamento dei partenariati nell’ambito della misura 421, “Cooperazione interterritoriale e transnazionale” dei Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Puglia, attuati dai Piani di Sviluppo Locale dei Gal.

La delegazione del GAL Fior d’Olivi ha partecipato anche a numerosi incontri bilaterali con altri partner dell’evento per capire i dettagli di alcuni progetti presentati durante la manifestazione.

Grande interesse ha destato il piano “Vie e civiltà della transumanza patrimonio dell’Umanità”, presentato dal GAL ASVIR Moligal,  con il quale si intendono rivitalizzare i percorsi dei tratturi e recuperare le tradizioni legate alla civiltà della transumanza.

Il progetto di cooperazione proposto a riguardo, in particolare, intende avviare la procedura di candidatura dei tratturi a patrimonio dell’UNESCO ed organizzare la “carovana della transumanza”, evento itinerante tra vari Stati europei volto a promuovere le tradizioni legate alla transumanza e alle aree rurali.

Positivo anche il riscontro con il Gal Maiella Verde, che ha proposto “European Leader Renewable Energy Network – ELREN 2”, con il quale si prevede di creare nuove opportunità nel campo delle energie rinnovabili tra i Gal europei e promuovere lo sviluppo a livello locale, regionale e internazionale di progetti nel campo del risparmio energetico e nella produzione di energia rinnovabile.

Non sono mancate le idee progetto di cooperazione nel campo del turismo, della valorizzazione dei prodotti locali e della qualità della vita, presentate dai rappresentanti di alcuni Gal europei giunti da Polonia, Turchia, Francia, Inghilterra, Estonia.
Il GAL Fior d’Olivi, inoltre, approfittando della presenza di altri Gal pugliesi e lucani e dei tecnici rappresentanti della Regione Puglia, ha ribadito il proprio impegno con gli altri partner nell’adesione ai progetti di cooperazione “Distretto Agroalimentare di qualità Terre Federiciane – Filiera dei prodotti” e “Pugliesi nel mondo”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento